left right
 

News

12/07/2011

D.Lgs. 231/2001: ANCHE L'AMBIENTE TRA I REATI

D.Lgs. 231/2001: ANCHE L'AMBIENTE TRA I REATI

il Consiglio dei ministri del 7 luglio 2011 ha approvato in via definitiva il testo del decreto legislativo che recepisce "le direttive 2008/99 e 2009/123, che danno seguito all’obbligo imposto dall’Unione europea di incriminare comportamenti fortemente pericolosi per l’ambiente, sanzionando penalmente condotte illecite individuate dalla direttiva e fino ad oggi non sancite come reati ed introducendo la responsabilità delle persone giuridiche (Decreto 231), attualmente non prevista per i reati ambientali. Il provvedimento, che enterà in vigore dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, modifica quindi il D.lgs 231/2001 introducendo l'art. 25-decies, che estende a società ed enti la responsabilità per una serie di reati contro l’ambiente (ex Dlgs 152/2006, legge 150/1992, legge 549/1993 e Dlgs 202/2007). Cogliamo l'occasione per evidenziare come il Decreto 231 abbia, con quest'ultima aggiunta, un "catalogo" di reati presupposto assolutamente vasto e che comprende tutti gli ambiti e i settori aziendali. Per le aziende che sono già adeguate al Decreto occorre fare un'aggiornamento dell'analisi dei rischi per verificare se possono essere soggette a questa nuova tipologia di reato. Un aggiornamento del Modello Organizzativo è comunque consigliabile.  Occorre infatti evidenziare che sono soggette tutte le aziende a prescindere dalla tipologia di rifiuto (speciale, tossico ecc.) in quanto si parla anche e genericamente di "danneggiamento dell'ambiente". Program A.re.a. è il tuo partner per l'implementazione del Sistema 231 nella tua Azienda.

Scroll Up
Scroll Down
back
newspapers
 
sinistra destra

 
certificazioni
Program A.Re.A.
Via Meucci, 31 - 47122 Forlì (FC) ITALY - Tel. +39 0543 801550 Fax. +39 0543 774866 - e-mail: info@programarea.com - P.IVA 01503620401